Trovare gli ingredienti e fare il Caffè Bulletproof anche in italia (con burro Ghee/Ghi GrassFed)

Molti non conoscono il BulletProof Coffee o Caffè Bulletproof, ma per quelli che lo conoscono e sono italiani è una vera tortura trovare gli ingredienti giusti.

In questo articolo voglio condividere il risultato di ore ed ore di ricerca degli ingredienti necessari a farlo.
Ci è voluto veramente tanto, e penso di aver trovato un buon set di ingredienti che possono considerarsi al 100% bulletproof. (aggiornato a settembre 2018)

Anzitutto cosa è il caffè bulletproof?

In parole povere è caffè, frullato con burro ed uno speciale olio prodotto a partire dal cocco, detto olio MCT (Acidi Grassi a media Catena, ci interessa un’alta concentrazione di C-8/C-10)

Detta così sembra una cosa terribile, ma posso garantire che, con gli ingredienti giusti questo caffè è diventata una piacevole routine della mattina.

I vantaggi sono che fa dimagrire ma che, soprattutto ti fa arrivare all’ora di pranzo senza avere fame e con un’ottima concentrazione mentale.

Che ingredienti servono?

Gli ingredienti obbligatori sono

  • Caffè mono origine o (meglio) singola piantagione, possibilmente medio/basso tostato e coltivato oltre i 1200 metri
  • Burro o Ghee/Ghi prodotto da Mucche allevate interamente al pascolo e nutrite solo con erba (GrassFed) e senza cereali
  • Olio MCT

La lista di ingredienti è molto semplice, ma reperirli tutti in italia a volte è difficile e mi ci è voluto del tempo per trovarli tutti a prezzi ragionevoli.

Dove trovare il caffè monoorigine/singola piantagione per il Bulletproof Coffee

Italia, la patria del caffè… dove però trovare un caffè di così alta qualità è praticamente impossibile online.

Dopo varie prove ho concluso che ci sono 3 possibilità

  1. Comprare il caffè originale del bulletproof coffe
  2. Comprare dei caffè validi da amazon.uk che si avvicino allo standard
  3. Trovare un torrefattore che cerchi la qualità (esiste, per fortuna).

1. Il bulletproof coffe originale

Il bulletproof coffe originale si può trovare su uno di questi shop

Amazon.co.uk in questo caso non è una buona scelta, mentre su amazon.it ancora non c’è nulla

Hanno aperto il negozio online per l’acquisto del caffè bulletproof e dell’mct originale. Personalmente le spese di spedizione (10€) sono un pò alte, ma la rendono l’alternativa perfetta.

Dicembre 2017: Purtroppo il caffè bulletproof originale si trova male. Per fortuna su amazon esistono molte buone alternative, oppure c’è dittaartigianale che ha caffè fantastici.

2. Caffè su amazon

Ho avuto modo di comprare un caffè su amazon molto buono ed ottimo per il bulletproof

Personalmente mi piace come sapore.
Altrimenti potete provare il Feichtinger Guatemala Single-Origin ma il sapore mi ha convinto meno.

L’unico caffè che ho trovato basandomi su recensioni e documentazione del caffè è

Questo è mono origine e non singola piantagione, quindi significa che proviene dallo stesso posto ma non dallo stesso coltivatore.

3. Il torrefattore magico

Ho dovuto passare per la caffè corsini per scoprire che c’è un torrefattore a firenze che ogni mese propone un nuovo caffè con le stesse caratteristiche del bulletproof, oltreutto il caffè è singola piantagione (come lo è il Bulletproof coffe).

La sua azienda si chiama DittaArtigianale, ed è di firenze.

il suo sito è shop.dittaartigianale.it

Cercate sempre i caffè “light roast” in quanto il caffè bulletproof richiede poca tostatura del chicco.

Inoltre vi consiglio comunque di contattarli per sapere se hanno caffè esterni a quelli visibili sullo shop.

Burro o ghee/ghi grass fed in italia, come trovarlo?

Trovare il burro grass fed è stata la vera impresa di questa ricetta.
Infatti in Italia, nonostante la cultura del formaggio e degli allevamenti è difficile che esistano mucche interamente allevate al pascolo e senza mangimi contenenti cereali.

Per trovare il ghee che volevo mi è toccato andare all’estero, precisamente in inghilterra e in olanda.

I ghee che ho trovato sono di 2 marche, una delle quali garantisce al 100% l’allevamento grass fed, mentre l’altra me lo ha garantito solo in forma personale (ho scritto un’email insomma 😀 )

  • Ghee Easy ( se quello su amazon è esaurito andate quiquesto costa il giusto ed ha una confezione mitica. (hanno cambiato la confezione 🙁 però il burro è comunque buonissimo)
  • Pukka Ghee (lo trovate anche in italia ma a prezzi proibitivi!)
  • Fushi Ghee su amazon (costoso, ma buono. NB: è grassfed principalmente d’estate)

L’ultimo ingrediente: MCT

L’MCT Bulletproof ha una predominanza delle catene C-8 e C-10 rispetto agli altri.

Molti MCT in commercio purtroppo non sono così strutturati per cui si sente la differenza.

Io al momento mi rifornisco dell’MCT in formula originale su Nootrofit.nl che vende con i prezzi in euro oltretutto.

Ora uso principalmente l’MCT Oil di LLS Love Life disponibile su amazon e da poco anche il C8 MCT di LLS Love Life

Se non lo trovo o voglio spendere poco mi “accontento” dell’Olio di Cocco Crudo sempre da amazon. Costa poco, è squisito, ma ha meno “potenza” rispetto all’MCT concentrato.

Alternativamente ci sono anche

Aggiornamento Settembre 2018

  • Dopo aver ascoltato il Podcast di Tim Ferriss e Dom D’agostino sulla dieta Chetogenica (Ketogenic diet in inglese), ho scoperto che esiste l’olio di MCT in Polvere. I vantaggi? Più gentile su intestino, per cui è più facile da usare e da abbondare.
    In italia ancora ce ne sono pochi ma c’è un produttore disponibile su amazon a spedizione gratuita.
    Kiss My Keto olio MCT in Polvere“.
    L’ho già ordinato e mi dovrebbe arrivare ad ottobre (spedizione è lentina), appena avrò ulteriori info aggiungerò le mie opinioni, anche se su Amazon.com è ben apprezzato.

Aggiornamento Ottobre 2017

  • Recentemente è apparso il Ghee Easy su amazon, il prezzo non è proprio concorrenziale, ma se uno lo vuole con le garanzie di amazon e la famosa velocità, tanto vale tentare
  • E’ anche apparso un nuovo Olio C8 di KetoSource

Aggiornamento Maggio 2017

  • C8 MCT Di LLS Love Life, Disponibile su amazon! un MCT fatto in maggiorparte di C8, eccellente e a buon prezzo. Lo sto provando con piacere e mi ci trovo bene.
  • Su amazon è apparso anche il C8 MCT di Premio, che però non ho avuto il piacere di provare.

Aggiornamento Dicembre 2016

  1. Nuovo caffè su amazon.it!
  2. Olio MCT nuovo disponibile su amazon

Aggiornamento Dicembre 2015

  1. E’ apparso il  Caffè Bulletproof su Amazon.it  !! Amazon ultimamente è sempre più fornito!
  2. LLC Love & Life MCT Oil disponibile anch’esso su amazon.
    E’ un MCT Oil fatto solo di olio di cocco senza palma o altro. Dovrebbe essere un corrispettivo dell’XCT/MCT Oil bulletproof.
    Lo sto provando e mi trovo molto bene. Inoltre grazie ad amazon prime lo puoi avere in fretta.
  3. Per chi non trova l’MCT può provare l’olio di cocco semplice. Costa poco, si trova bene. E’ leggermente meno efficace, ma il sapore è una bomba.

Aggiornamento Maggio 2015

Dopo ulteriori aggiornamenti ecco le cose che ho scoperto

  1. su https://www.flowgrade.de/shop/ si può trovare l’xct/mct oil e il brain octane della bulletproof a prezzi davvero incredibili
  2. su superfood.nl si trovano anche lì tutti i prodotti originali ma a prezzi maggiori (se però ci comprate il ghee ammortizzate le spese di spedizione)
  3. Esistono MCT “regolari” trovabili in italia? Si.
    Uno di questi è il “Ceres MCT 100%” che è composto C8 56,40 %,C10 42,40 %,C12 1,00 %. Si dovrebbe trovare in farmacia al costo di circa 15€ per mezzo litro.

 

Fine?

Aggiornerò questo post ogni volta troverò prezzi più convenienti e continuerò a cercare, visto che i benefici si sentono,

46 comments

    • italico_sdl says:

      Ciao Cristian

      Allora, ho provato il Ceres MCT che puoi ordinare in farmacia, non è male.
      Come burro continuo ad usare il ghee-easy (ottimo ghee!) di superfood.nl che nel frattempo ora ha anche gli oli e i caffè del Bulletproof Executive.

      Come caffè ho comprato varie volte da DittaArtigianale, sono ottimi (abito vicino però).
      Ora sto sperimentando con questo caffè
      Feichtinger – Café de Guatemala, Single Origin COFFEE – San Marcos (link: http://amzn.to/1XEuZj5 (provabile su amazon).
      Deve ancora arrivarmi, ma è un single origin con ottime review.

      Mentre sull’MCT per ora finisco il ceres, poi ho in mente di provare questo LLS Primal energy (link: http://amzn.to/1PYq1b8 )
      in realtà come composizione nessuno dei due è paragonabile al brain octane (neanche come effetti), ma come oli mct sembrano buoni.

      Tu al momento cosa usi?

      • cristian says:

        Grazie per la celere risposta… Io sono venuto a conoscenza di questo super caffé a luglio durante un viaggio di lavoro a Monaco grazie a una chiacchierata con un professionista della salute, uno di questi moderni life coach… Ho deciso di sperimentare investendo poco in denaro e poco in tempo avendo da subito notato la difficile reperibilitá dei prodotti in Italia. Ho quindi seguito le regole infragendo peró i dettagli. Ovvero, ho trovato su un sito specializzato in prodotti per lo sport su cui mio fratello fa regolari acquisti un olio mct in polvere. Fa parte della linea prozis sport, 100% puro, approvato dalle farmacie e se non ho capito male 25g di questo mct powder contengono 10000mg di mct. Per quanto riguarda il caffé ho continuato a usare il mio solito caffé in grani che compro da una torrefazione locale (bologna) ma di cui ignoro la provenienza (sul web non ho trovato info e pochi minuti fa ho scritto per avere informazioni). Per quanto riguarda il burro invece ho cercato in giro quello apparentemente migliore, non ho trovato un chiarificato ma un burro normale bavarese che é parecchio piú giallo dei normali burri. Nonostante la mia mancanza di precisione ho notato che questo caffé é una bomba! L’appetito é tenuto sotto controllo in maniera eccezionale e il livello di concentrazione sale un sacco! Ho anche dovuto smettere di bere qualche redbull qua e la perché con il caffé in circolo mi dava tachicardia, a conferma che giá da solo basta e avanza a mettere in circolo forze. Ora peró mi chiedo quanta differenza ci possa essere seguendo i tuoi consigli e usando queste specifiche formule organolettiche dei singoli ingredienti. La tua esperienza che dice?

        • italico_sdl says:

          Guarda, per quanto riguarda l’MCT in polvere credo ci sia molta differenza.
          non parlo per esperienza personale ma leggendo online ce ne corre tanta.

          Inoltre, se spendi qualcosa di più come sul brain octane, il risultato è molto diverso.

          Per il caffè ed il burro quello che cambia è la nutrizione e la qualità degli ingredienti.
          Un caffè single origin è sicuramente più controllato e qualitativamente maggiore di qualsivoglia miscela che troviamo qui, e il burro ghee allevato al pascolo è un eccellente elemento nutrizionale.

          Non credo su questi noterai differenze (se non sul caffè forse, che ti darà meno “dipendenza”) anche se cmq il consiglio è di andare su prodotti di altissima qualità.

    • italico_sdl says:

      Ciao August,

      Se tu hai modo di ottenere un burro di malga da alpeggio, soprattutto in estate, penso che sia equivalente. Per capire quanto in realtà sia “buono” per il tuo corpo basta guardare il colore, se è molto giallo significa che le mucche han mangiato molta erba fresca e quindi è pieno delle vitamine necessarie.

      Qui dove sono io (entroterra toscano) i burri di questo tipo non esistono 🙁

      Considera comunque che il fuji è un Ghee, quindi è diverso come sapore dal burro.

  1. MANLIO says:

    ciao a tutti! Sono (credo) l’unico italiano al momento iscritto al Bulletproof coach training e comincio ad informarmi su quanto l’Italia sia a conoscenza dei prodotti, del lifestyle e del biohacking in generale. Sono a disposizione per suggerimenti e consigli nonche’ per sessioni di coach gratuite (mi servono ore per la certificazione). Se interessati scrivetemi pure.

      • MANLIO says:

        Ciao e sono contento di fornirti tutte le info. La Bulletproof si stà sviluppando a velocità incredibile. Hanno ideato un paio di anni fa un corso del tipo “life coach”: spiega le tecniche di coaching classiche, il tutto corredato con elementi di biohacking, nutrizione (focalizzata su Bulletproof o tipo Paleo-Ketogenica), mindfulness (indi anche elementi di meditazione e benessere “spirituale”) e tanto altro. Diciamo che l’intenzione è buona ma devono ancora perfezionare il pacchetto dal punto di vista pratico. Nonostante questo, gli istruttori sono validi e il corso risulta gradevole. Io ho intrepreso questa avventura e investimento perchè ho notato il successo, sebbene di nicchia, in USA e la seguente espansione in Europa (UK in primis). Cercavo su internet info e sviluppi in Italia ed ho trovato questo articolo, bene che qualcuno stia muovendo le acque in Italia. Rimango a disposizione per sessioni di coach (possiamo fare conversazione su skype o zoom di 45 minuti e parlare anche di altro) o per dare consigli e opinioni circa Bulletproof e i suoi prodotti, nonchè prodotti biohacking e possibili collaborazioni per blog.Grazie!

  2. little says:

    wow no credevo ci fossero altre persone che conoscessero il mondo bulletproof. Comunque volevo chiederti se hai notato effetti negativi/positivi a lungo termine prendendo questo tipo di caffe, o seguendo lo stile di vita bulletproof?

    • italico_sdl says:

      Ciao, beh, effetti positivi. Devo confermare le buone cose sul focus mentale e l’energia per quanto mi riguarda. Purtroppo è dura mantenere la “dieta” principalmente a causa di buoni burri da usare. ma a parte quello mi sento di consigliare di sperimentare. Ogni persona è diversa 😉

  3. lucyb says:

    Ciao, ti ringrazio per le preziose info. Ho visionato il sito è shop.dittaartigianale.it , ci sono così tanti tipi di caffè, quale ordinare? ho telefonato chiedendo quale si il “light roast” …….dice tutti sono poco tostati. Quindi quale scegliere? Ho bisogno di chiederti inoltre una volta recuperati i 3 ingredienti magici, scecchero e via? o quale procedura seguire? grazie di cuore. E buona energizzazione. Lucia

    • italico_sdl says:

      Ciao!

      Allora, loro li conosco di persona, vado di tanto in tanto al loro bar. Qualunque caffè loro è buono 🙂 cambia l’acidità di un caffè. Ad esempio quelli del kenia hanno sapori di limone (un pò come i sommelier sentono i frutti nel vino, stessa cosa qua) e quindi personalmente li sconsiglio per mischiarli con il burro, anche se quando li provai erano comunque buoni come risultato.

      Per cui chiedi consiglio a loro su un caffè che abbia più sentori di cacao e con una bassa amarezza, e fidati di qualunque cosa ti consiglino 😉

      Per il mix si, non c’è grande complessita. Butti tutto insieme, frulli e via 😉

    • italico_sdl says:

      Ciao Anastasia,

      sono sempre andato “a braccio” nel fare il bp coffe. In genere prendevo due cucchiai di chicchi di caffè, li tritavo, facevo il caffè, ci mettevo un cucchiaio di burro e uno o due cucchiai di MCT.
      Frullavo e fine 🙂

      per esser pignoli, dal sito ufficiale c’è scritto che serve

      • Una tazza di caffè fatta con 2 cucchiai e mezzo di grani
      • da 1 cucchiaino a 2 cucchiai di MCT
      • 1 o due cucchiai di burro

      come vedi non ci sono regole scritte nella pietra, e soprattutto sull’mct/burro meglio essere graduali che soprattutto l’mct se abusato fa andare di corpo 😀

  4. Marco says:

    ciao, sai dirmi se esiste un caffè DECAF già macinato con caratteristiche bulletproof?
    o qualcosa di liofilizzato? (io al momento uso Mount Hagen… anche se so che bulletproof e liofilizzato sono un po’ una contraddizione in termini)
    grazie!

  5. Marco says:

    Ciao Italico.
    Entusiasmante articolo… ma ho notato che non hai specificato che il caffè deve essere del tipo “lavato a mano”: come mai? Sai che è per evitare il problema delle micotossine.
    Ciao, grazie.

    • italico_sdl says:

      Ciao Marco, dici benissimo! Non l’ho citato per due motivi. Il primo è che questa non è una guida sul bulletproof quando su dove trovare ingredienti possibili in Italia. La seconda è che si, sono d’accordo sulle micotossine, ma allo stesso tempo penso che se non troviamo il modo di ottenere ingredienti uguali o paragonabili allora non riusciremmo mai a provarlo qua, impedendo di fatto la crescita di questa passione.

      Detto questo i caffè che cito in genere sono spesso di altissima qualità, soprattutto quelli di dittaartigianale, i quali spesso sono lavati a mano. Per quelli su Amazon invece va visto caso caso 😉

      Spero di averti risposto

  6. Marco says:

    Ciao Italico, ti ringrazio per la tua esauriente replica. Concordo con il tuo punto di vista; è vero anche comunque che il problema “micotossine” sia legato alla lavorazione del caffè. E’ evidente che i caffè che proponi sono di ottima qualità e rispettano tutti i canoni suggeriti da Asprey, ma specificare quei canoni forse può essre importante, poiché da la possibilità a chi legge di approfondire la qualità dei caffè che si trovano sul mercato autonomamente, semplicemente leggendo le etichette o pure con le aziende se necessario.
    Ad ogni modo, il mio non è un intervento polemico, anzi, ti ringrazio per le risorse che offri e spero che inserirari anche altri alrticoli sulla dieta BP. Per me ad esempio, non sono ancora chiare il pranzo e la cena, cioè i criteri da seguire.
    Secondo te poi, relativamente alla colazione, se si frulla un Avocado con il caffè, può essre comunque una buona alternativa?

    • italico_sdl says:

      Ciao Marco,

      Concordo sul problema micotossine, vedrai comunque che molti (se non tutti) i caffè di dittaartigianale sono washed 😉 per quelli su amazon invece c’è sempre un pò di dubbi, ma ripeto che è dura riuscire a trovare dei corrispettivi che siano economicamente sostenibili e di qualità.

      So bene che non sei polemico, anzi, direi curioso ed interessato alla discussione.
      Sulla dieta BP non sono un esperto purtroppo, in genere cerco di condividere solo cose che uso costantemente.

      Riguardo comunque alla questione avocado devi tenere conto che in realtà la dieta bulletproof si ispira in maniera più o meno diretta a quella Ketogenica. Il concetto finale quindi è rimanere nello stato che gli inglesi chiamano di “Ketosis”.

      A livello prettamente alimentare penso che l’avocado non sia “compatibile BP” principalmente per la questione degli MCT, sicuramente presenti in forma/quantità diversi rispetto ad un concentrato come l’olio di cocco.

      Il motivo per cui vorresti sostituirlo quale è?

    • Ciao Marco. Per il problema delle micotossine ci sono molte opinioni e studi. Anche la tostatura abbatte i livelli (https://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/jf0105586) ma, come in tutto, ci sono sempre altri elementi da considerare. Io ho provato tante varianti ma mai col avocado o uovo. In linea generale sarebbe ok (non so il sapore pero’), ma sempre mantenendo olio di cocco o MTC o, meglio di tutti il C8. Non a sostituire, perche’, tra le altre, trattasi si monoinsaturi e fibre (e “buon” potassio), non proprio di saturi di media-bassa catena.
      Qualsiasi altra domanda non esitare!
      Noi di Biohackers Italia stiamo nascendo adesso. Puoi visitare il facebook Biohackers Milano, Meetup, o dietabulletproof/bulletproofitalia.

  7. Marco says:

    Ciao ragazzi e scusate il ritardo. Grazie per i vostri commenti, che aggiungono nuove nozioni a ciò che conosco. Comunque, avevo pensato all’avocado perché un po’ di esso donerebbe sicuramente una maggiore cremosità al preparato; tutto qui. Non pensavo quindi ad una sostituzione degli elementi canonici del BP, ma soltanto ad una piccola integrazione, che mi pare di capire non dovrebbe creare invonvenienti.

    • Ciao Marco,
      confermo che, ogni tanto e per variare, l’avocado non dovrebbe arrecare effetti negativi. Sinceramente non conosco nessuno che abbia fatto questa prova e sono curioso dei risultati, non esitare a postarli!
      grazie e rimango a disposizione,
      ciao

  8. Amir says:

    Buongiorno!

    Io ho trovato questi caffè mono: http://www.mokarico.com/it/catalogo/14173/i-mono
    l’ho assaggiato in un convegno a Firenze due settimane fa e me ne sono innamorato.
    Lo segnalo qui perché anch’io sono un seguace (super principiante) del Bulletproof Coffee. Non l’ho ancora ordinato online da questi che vi ho appena linkato (Mokarico) ma dal vivo ho assaggiato il “Kenya” ed è strabuono. Loro poi fanno parte di tutto un giro di “sommelier” del caffè che curano tutti i particolari di raccolta e tostatura. I prezzi mi sembrano onesti.
    Il tizio di Mokarico mi ha parlato di tante cose sui processi per arrivare al caffè finale e decisamente rispetta tutte le cosine di cui parla il CEO di Bulletproof. Oggi farò un ordine poi vi dico!

    A presto,
    Amir

  9. Amir says:

    Ah altra cosa sul Ghee: è facilissimo da fare! Basta prendere un burro bio a pochi euro, cuocerlo, e filtrarlo! Fatto il ghee. Mi sembrano eccessivi i prezzi che vedo su internet no?

    • italico_sdl says:

      Ciao Amir, è vero che si può fare. Il problema almeno per me è trovare burro grassfed. Il ghee non è necessario se hai il burro di questo tipo, è solo un metodo per poter acquistarlo su internet.

      Hai trovato un burro del genere?

        • italico_sdl says:

          Se abiti nel nord Italia ci sta che qualche piccolo produttore lo faccia, fai qualche giro. Se invece come me non abiti lì, la ricerca è molto più ardua (io ancora nn l’ho trovato)

        • MANLIO LO GIUDICE says:

          La kerrygold mi aveva detto tempo fa di valutare il mercato italiano. Molto sul BP coffee viene discusso su vari gruppi fb. Per il burro, il Lurpak è un buon compromesso.

        • Eugenio says:

          Scusate ragazzi, ma c’è l’Alpen Butter al NaturaSì, no? È biologico e da quanto ho letto sembra proprio che sia un grassfed. Anche il colore è tipico ed il gusto molto delicato. Per il caffè, nella mia zona (basso Lazio) ho trovato un coloniali locale che vende anche caffè molto pregiati. Fa pure un tipo di torrefazione molto leggera, ed ultimamente sto provando un Sidamu Etiopia, quindi monorigine, 100% Arabico, lavato e non certificato biologico ma proveniente da piccole realtà locali che praticamente, per quanto mi ha detto il rivenditore, fanno una coltivazione molto naturale.

          Ps: è normale secondo voi che se vado oltre i 3/4 di cucchiaio di burro Ghee (lo faccio io) vado un po’ a diarrea dopo un po’?
          Grazie e buon Bulletproof a tutti!

          • italico_sdl says:

            Ciao Eugenio! Sull’alpen butter non saprei dirti, anche dal sito (tradotto) non c’è menzione che siano allevate al pascolo e senza cereali. Diciamo che un buon indicatore è il colore, + è giallo, meglio è.

            Per la torrefazione fantastico! Se puoi condividi pure il torrefattore così che chi viene qui possa trovarlo nel caso.

            Ultima cosa, per la diarrea: a me lo fa in caso di introduzione non graduale nella dieta dell’mct, ma ci sta che un abuso del burro possa produrlo. Io comunque mettevo un cucchiaio senza problemi. Hai fatto prove variando solo il burro ma mantenendo intatti gli altri ingredienti per confermarlo?

  10. Eugenio says:

    Ciao Andrea, grazie per la pronta replica e per il feedback. Allora, relativamente all’Alpenbutter, tutte le recensioni che ho letto finora (in realtà non tante e quasi tutte in inglese), confermano che trattasi di burro grass fed. La Berchtesgardener è una zona della Germania ancora molto rurale in cui si produce il latte dal quale viene ricavato il burro in questione, ed è caratterizzata da allevamenti allo stato naturale, tenuti da piccole aziende che fanno la raccolta del latte e lo consegnano a chi lo lavora. Anche Disisto, appassionato di dieta ketogenica, in un video conferma la natura grass fed dell’ Alpen. In ogni caso ho scritto all’azienda che lo produce: se ho risposta, la posto.
    Riguardo il negozio di coloniali, se qualcuno è interessato, preferisco che mi contatti direttamente in modo che possa spiegare dove si trova. Puoi tranquillamente dare il mio contatto e-mail.
    Per la diarrea, credo quasi sicuramente che abbia a che fare nel mio caso con la quantità di burro e non dell’ MCT. Ma non ne sono sicuro, poiché negli ultimi giorni è vero che ho diminuito il burro, ma ho iniziato anche l’assunzione di probiotici, il che può aver influenzato la qualità dell’alvo. Nei prossimi giorni aumenterò di nuovo il burro e vedremo cosa accade.

    Ps: la notifica di nuovo commento sembra non funzionare…

  11. Eugenio says:

    Senza rendere le cose troppo complicate, il negozio a cui facevo riferimento nel commento sopra, si trova sulla strada Scauri-Formia. Non ricordo il nome in questo momento, ma per chi volesse ulteriori informazioni può contattarmi.

  12. Eugenio says:

    Ciao Italico. Riporto di seguito il responso che ho ricevuto in merito all’Alpen Butter, direttamente dai produttori. Aggiungo che ho provato pure il Golden Hills reperito alla Lidl: è ottimo… e pure il colore sembra confermare la qualità grass-fed.

    …………………………………………………………………

    Dear Eugenio,

    thanks a lot for your E-Mail. We are pleased about your interest in our products.
    In the mountain- and alpine-regions our farmers work in small countrified farms in harmony with nature and always feed their cows traditionally with grass, herbs and healty-herbs – certainly without genetic technology. So the cows give milk of highest quality: Especially healthy, especially flavourful. This demonstrate the study of the university of Kassel. The study demonstrated that our Bergbauern-milk and organic-milk contains the highest substance of vitally omega-3-fatty-acids (please find attached the annex).

    For further information about our feed, please have a look at our homepage http://www.bergbauernmilch.de at http://en.bergbauernmilch.de/molkerei/Our+feed/?SYS_MNJ03_00_current_mp=MUL03_06_NodeNo_47.

    If you have further questions, please don´t hesitate to contact us.

    Kind regards

    MILCHWERKE BERCHTESGADENER LAND
    CHIEMGAU EG

  13. Eugenio says:

    Ottimo infatti, con il burro pare che siamo a posto. L’Alpen è abbastanza caro, ma ci può stare in confronto al prezzo di altre marche. E poi lo si può comprare direttamente in negozio per molti di noi, risparmiando così il costo della spedizione. E poi molti NaturaSì hanno fossi lo sconto di circa il 25% sul prezzo di listino (4,59 euro).
    Per il caffè ho trovato pure questo PurityCoffee. Ma si vende solo a semi interi e quindi non macinato. Per il prezzo non ho fatto un confronto con il BPCoffee.
    Voi cmq il caffè ve lo macinate autonomamente?
    Ciao ragazzi…

  14. italico_sdl says:

    Solo per aggiungere che ho incluso anche l’MCT in Polvere tra le opzioni.
    Mi arriverà ad ottobre e aggiornerò l’articolo con le prime impressioni 😉

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.